Articolo

Verbale riunione del 22 dicembre 2011

Ordine
degli Avvocati di Verona

______

COMMISSIONE
DEONTOLOGIA

________

Convocata a mezzo e-mail, la Commissione si
è riunita oggi 22 dicembre 2011 alle ore 11,30 presso la sede del
Consiglio dell’Ordine in Verona, Piazza dei Signori. Presenti: il
Coordinatore Avv. Giannantonio Danieli, il Segretario Avv. M.
Bonanno, il Consigliere Avv. Giuliano Dalfini, i Commissari Avv.ti:
Michele Tommasi, Mirko Ghirlanda, Fabio Callegati, Ilaria Castellani.
Assenti giustificati gli Avv.ti: Mauro Regis, Paolo Pezzo, Luigi
Pasetto, Aldo Bulgarelli, Ermanno Fornaciari, Fabio Luciani.

Ordine
del giorno:

- programmazione formazione anno 2012;

- parere su organismo di mediazione *******
(cfr. testo e sito in calce alla convocazione);

- esame nuovi siti web:

wwwwwww

wwwwwww

- prosecuzione revisione siti web (relazioni
già depositate);

- varie ed eventuali.

1) Formazione 2012:

Il Coordinatore riferisce della possibilità
di un incontro formativo organizzato congiuntamente con la Commisione
Cultura in tema di mediaconciliazione.

La Commissione approva e, dopo breve
discussione, rinvia alla prossima riunione, invitando i Commissari a
proporre nuovi argomenti formativi e relatori, anticipandoli al
Segretario.

2) Parere sull’Organismo ******.

Esaminata visura camerale di ****** SRL con
sede legale in Cesena; rilevato: che non risultano sedi sociali
locali; che le due sedi veronesi dell’Organismo indicate nella
comunicazione agli iscritti non coincide con lo studio di uno dei due
colleghi indicati come direttori; che per poter esprimere il chiesto
parere sarebbe necessario conoscere il rapporto giuridico
intercorrente fra la società ed i colleghi direttori, la Commissione
propone al Consiglio di richiedere chiarimenti preliminari agli
Avvocati ** e ** circa le condizioni contrattuali ed economiche che
regolano il loro rapporto con la società ******* SRL.

3) Nuovi siti web:

wwwwwww (segnalazione pervenuta dal Consiglio via mail il 13.10.11).

Lo studio viene presentato come una
“divisione interna del gruppo famiglia xx”. L’indicazione
non appare rispondente a criteri di trasparenza ed ingenera dubbi in
ordine al dovere professionale di indipendenza.

Si riscontrano plurimi accenni a “competenze
specialistiche ed elevato grado di specializzazione”. La
Commissione ne suggerisce l’eliminazione, non essendo previste
specializzazioni dalla legge professionale e richiamato il disposto
dell’art.17-bis sui settori di esercizio e le materie di attività
prevalente.

Si ritiene inadeguato il riferimento ad
attività di “segregazione” del patrimonio imprenditoriale.

Nell’area immobiliare non si ritiene
pertinente alla professione legale la voce “perizie immobiliari”.
Si segnala che non risulta indicato il n. di partita iva,
obbligatorio ex lege.

Da visura eseguita presso il register il
dominio risulta correttamente intestato all’avv. xx, con sede presso lo studio.

wwwwww (segnalazione pervenuta dal
Consiglio prot.9300 del 7.12.2011)

Il sito risulta in costruzione. Si ricorda
che gli iscritti devono segnalare contenuto e forma del sito, che
possono controllarsi solo quando lo stesso è completo e funzionale.
Si rinvia.

4) prosecuzione revisione siti web
(relazioni già depositate):

wwwwww (primo esame 19.12.2008 –
revisionato il 30.10.2009) risulta regolare.

wwwwwww (primo esame 30.12.2009 –
revisionato il 26.05.2010) risulta regolare.

wwwwww (primo esame 5.10.2010)
risulta regolare.

wwwwww(primo esame 27.5.2011) risulta
regolare.

Le altre relazioni già depositate vengono
rinviate alla prossima seduta, con invito agli alri relatori
assegnatari di verifiche, a farle pervenire al Segretario.

5) Varie ed eventuali:

- Parere Avv. ***** rimesso
dal Consiglio, prot. 9478 del 15.12.2011:
Premesso che non è
dato alla Commissione di esprimere pareri preventivi su questioni
specifiche che possano costituire oggetto del sindacato disciplinare
del Consiglio, in via generale e astratta la Commissione ritiene che
l’Avvocato debba in ogni caso rispondere solo al proprio Collega,
facendo presente, anche ripetutamente, che le comunicazioni dirette
della parte possono comportare pregiudizio alla difesa. Nel caso in
cui il Collega di controparte non si attivi per riportare sui
corretti binari le comunicazioni, difensive o transattive, i fatti
devono essere esposti al Consiglio dell’Ordine.

- Richiesta Dott. ****** rimessa dal
Consiglio prot. n.9630 del 22.12.2011
: la Commissione, dato per
assodato che la dottoressa versi in regime di incompatibilità come
lei stessa afferma, risponde che l’istante può egualmente
frequentare lo studio per approfondire la propria preparazione ma non
può in alcun modo comparire inserita nell’organico dello studio,
né a fini sostanziali (mandati) né a fini informativi (carta da
lettera, targhe e sito).

- Si discute la questione astratta
dell'Avvocato che soffra di turbe psichiche e/o neurologiche tali da
averne determinato l'assoggettamento ad amministrazione di sostegno:
il quesito riguarda la permanenza dei requisiti per l'iscrizione
all'albo. Nessun dubbio che detti requisiti verrebbero meno nel caso
di interdizione e inabilitazione, dove è presupposta l'incapacità
totale o parziale di agire. Nel caso dell'amministrazione di
sostegno, invece, alcuni Commissari ritengono che il fatto
(amministrazione di sostegno per motivi connessi alla salute mentale)
debba comunque comportare cancellazione dall'albo con la procedura
amministrativa. Altri ritengono che, data la non definitività dello
stato soggettivo, la conseguenza debba essere la sospensione. Si
suggerisce altresì la possibilità che l'Ordine ricorra al GT per
ottenere apposita relazione tecnica sulla capacità lavorativa
dell'aministrando, trattandosi peraltro di eventuale provvedimento
cautelare nell'interesse dell'amministrando stesso, che potrebbe
diversamente incorrere in responsabilità civili e/o disciplinari.

L'argomento viene rinviato alla prossima
seduta.

***

Null'altro avendo a deliberare, la seduta
viene tolta alle ore 13,00. Si rinvia l’esame delle relazioni
presentate dai relatori presenti ed assenti giustificati, invitando
gli altri relatori a far pervenire al segretario altre relazioni
assegnate.

Il Segretario
Il Coordinatore

Avv. MARIA S. BONANNO
Avv. GIANNANTONIO DANIELI