Articolo

Norme deontologiche - Rapporti con i colleghi - Dovere di lealtà e colleganza - Apprensione e produzione in giudizio di missiva ricevuta per errore - Illecito deontologico

Pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante, perché lesivo dei doveri di lealtà, riservatezza e colleganza a cui ciascun professionista è tenuto, l’avvocato che intercetti o utilizzi corrispondenza destinata al collega avversario, indipendentemente dall’effettiva utilità (e viceversa danno per controparte) conseguitane. (Nella specie è stata applicata la sanzione della censura all’avvocato che aveva trattenuto senza avviso e prodotto poi in giudizio un fax ricevuto per errore dal domiciliatario del collega avversario)

29 novembre 2004  – Pres. Bulgarelli  – Rel. Vianini