Articolo

Avvocato – rapporti con i colleghi – sostituzione nel mandato - espressioni denigratorie

Costituisce comportamento deontologicamente rilevante
offrire in un procedimento penale la propria opera professionale a
soggetti di cui s’è a conoscenza esista difensore fiduciario.

Integra fatto displinarmente rilevante l’utilizzo di
espressioni denigratorie nei confronti di un collega, finalizzate ad
ottenere dal cliente cui vengono riferite, nomina a difensore di
fiducia in sostituzione del difensore denigrato.

(In considerazione della giovane età e della mancanza
di precedenti è stata ritenuta adeguata la sanzione della censura)

(Verona, 21 dicembre 2005 presidente Bulgarelli,
relatore Regis)