Articolo

Selezione di giovani avvocati per svolgere il ruolo di tutor nella Scuola Forense - Modulo di diritto Amministrativo e deontologia professionale (n°2 tutor)

Con la presente comunicazione si chiede a giovani Colleghi – con età inferiore  ai quarant’anni al 31.05.2017 - la disponibilità a svolgere il ruolo di tutor nell’attività didattica della Scuola Forense, nel modulo unico di “diritto amministrativo e deontologia professionale” (n° 2 tutor).

Le sessioni didattiche allo stato, iniziano nel mese di novembre e si concludono, approssimativamente, a fine giugno con la preparazione  di un esame finale (scritto ed eventualmente orale) dei discenti.

La Scuola Forense prevede incontri teorici, che si terranno il lunedì ed incontri di carattere pratico (esercitazioni, simulazioni, lavori in sottogruppi e verifiche di profitto e di apprendimento), che si svolgeranno di regola il venerdì pomeriggio. E’ possibile tuttavia, che per esigenze organizzative connesse anche alla disponibilità delle aule, le attività si tengano in altre giornate o il sabato mattina.

Gli incontri teorici verranno affidati a relatori incaricati ad hoc e si terranno alla presenza costante dei  tutor del modulo di competenza.

L’organizzazione degli incontri di carattere pratico è affidata al Direttore della Scuola ed ai Consiglieri della stessa con l’ausilio, appunto, dei tutor e talvolta potrà vedere la partecipazione anche di relatori incaricati.

Il tutor dovrà impegnarsi a:

a) partecipare alle lezioni teoriche;

b) partecipare all’attività pratica;

c) provvedere al corretto funzionamento dell’attività didattica, secondo le istruzioni del Direttore della Scuola e del Consiglio della Scuola (o del Consigliere referente per il modulo interessato); a titolo esemplificativo, tenere i contatti con i relatori, correggere gli elaborati dei frequentanti (gli iscritti sono circa centodieci per anno), segnare le presenze, prestarsi, più in generale, per un proficuo ed ordinato svolgimento dell’attività didattica.

Il tutor riceverà un modesto compenso nella misura deliberata dal Consiglio di Fondazione e  comunicata all’interessato. Ad oggi detto compenso è pari ad € 140,00 per ora, da calcolarsi soltanto sulle ore impiegate per le esercitazioni svolte in aula e per le attività collegiali nell’ambito della prova di profitto finale, mentre non è previsto alcun compenso per la partecipazione alle altre numerose attività didattiche (presenza alle lezioni frontali, correzione individuale degli elaborati, consegna degli stessi). Si segnala inoltre, che il corretto e completo espletamento delle attività oggetto dell’incarico potrà essere valutato dal Consiglio dell’Ordine in sede di attribuzione dei crediti formativi.

L’attività si svolgerà di regola presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università di Verona.

Le dichiarazioni di disponibilità dovranno pervenire entro le ore 12.30 del giorno 20 giugno 2017, indirizzate a: Consiglio della Scuola Forense, e-mail: scuolaforense@ordineavvocati.vr.it.

Gli interessati dovranno allegare alla propria istanza il curriculum professionale, indicando nello stesso titoli o altri elementi che evidenzino, in particolare, la professionalità e l’esperienza maturate nel diritto amministrativo.

Il Consiglio della Scuola Forense selezionerà i tutor insindacabilmente tra tutti coloro che avranno inviato la dichiarazione di disponibilità. In sede di valutazione di dette disponibilità, tenuto conto che il modulo di competenza dei nuovi tutor avrà ad oggetto in maniera assolutamente prevalente il diritto amministrativo, verranno valutati in particolare, il percorso professionale, la carriera universitaria e postuniversitaria, le precedenti esperienze didattiche nell’ambito della predetta materia. A parità di requisiti, si preferirà il candidato più giovane.

Si ringraziano fin d’ora tutti i Colleghi che si renderanno disponibili a prestare l’attività sopra descritta.

IL DIRETTORE DELLA SCUOLA  

Avv. Daniele Maccarrone

Il SEGRETARIO DELLA FONDAZIONE 

Avv. Paolo Pezzo