Articolo

Split Payment: la "scissione del pagamento dell'IVA" nelle parcelle dei professionisti

Segnaliamo che, a far data dal 1 luglio 2017, entrerà in vigore il sistema fiscale dello split payment, o scissione del pagamento dell' IVA, previsto dal Decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50 recante "Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24/04/2017, n. 95 - Supplem. ord.

Si tratta di un sistema fiscale che riguarda  l'emissione delle fatture dei professionisti nei confronti di Pubbliche Amministrazioni, enti pubblici, società controllate dagli enti pubblici e società quotate in Borsa e che si sostanzia nello "sdoppiamento" del pagamento della prestazione professionale e dell'IVA.

L'IVA non sarà più versata dal professionista, ma direttamente dalla P.A.(o gli altri enti pubblici e società interessate) all'Erario.

Dal punto di vista pratico, perciò, e sempre che nel frattempo non intervengano modifiche normative in sede di conversione in legge del D.L. 50/2017, a far data dal 1° luglio 2017 i professionisti che operano con la P.A. o con enti pubblici, società controllate da questi ultimi  o società quotate in borsa, dovranno adeguare le modalità di emissione delle parcelle e della liquidazione dell’IVA nel senso citato.

L’imposta continuerà infatti ad essere indicata nella parcella, ma non genererà il debito nei confronti del fisco.

Nelle parcelle che verranno emesse in regime  di split payment  l'IVA non sarà più "ad esigibilità differita”, ma in regime di “scissione dei pagamenti”.

I professionisti che emetteranno la fattura elettronica, dovranno prestare ulteriore attenzione, ricordandosi di compilare l’apposito campo destinato alle operazioni in split payment.

Tanto per Vostra opportuna conoscenza e con riserva di successivi  eventuali aggiornamenti in esito alla legge di conversione del D.L. 50/2017.