Articolo

MAV Contributi collegiali 2018

Gentili colleghe e gentili colleghi,
in vista dell'imminente scadenza di pagamento, comunico che gli importi dei contributi collegiali per l'anno 2018 sono invariati e rimangono determinati come segue: 
  • Avvocati cassazionisti: Euro 260,00
  • Avvocati non cassazionisti: Euro 230,00
  • Avvocati under 35 per i primi 3 anni di iscrizione: Euro 180,00
  • Praticanti abilitati: Euro 70,00
  • Praticanti semplici: Euro 50,00
La riscossione avverrà, come da prassi ormai consolidata, a mezzo MAV elettronico emesso da Unicredit S.p.a. - con scadenza, quest’anno, al 05.04.2018 - che ciascun iscritto riceverà, tramite il servizio postale, con tutta probabilità nei prossimi giorni.
 
Il pagamento del bollettino potrà avvenire, senza addebito di spese, presso qualsiasi sportello bancario o presso tutti gli uffici postali, nonché tramite home banking dalla sezione “pagamento MAV elettronico” o similare, avendo cura di riportare fedelmente, oltre che l’importo e la scadenza di pagamento, il codice MAV riportato nell’esemplare cartaceo.
 
Chi, per un disguido qualsiasi, non dovesse ricevere il bollettino cartaceo, potrà in ogni caso provvedere al pagamento della quota collegiale – sempre entro il 05.04.2018 – con le seguenti modalità alternative:
 
- a mezzo di bonifico bancario, avendo cura di indicare in causale il nome e cognome dell’iscritto cui il pagamento del contributo si riferisce, utilizzando in via alternativa le seguenti coordinate: 
  1. Banco BPM S.p.a., Agenzia di Piazza Erbe, IBAN IT45G0503411703000000054800;
  2. Unicredit S.p.a., Agenzia di Via Garibaldi n. 1, IBAN IT50S0200811770000004665878.
- a mezzo contanti o bancomat presso la sede dell’Ordine degli Avvocati di Via Teatro Ristori n. 1, aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00.
 
Considerato che il recapito è appena iniziato, si consiglia di attendere qualche giorno e di procedere ai pagamenti alternativi in caso di mancata ricezione del bollettino. 
 
Si confida nel puntuale rispetto della data di scadenza in quanto il ritardato pagamento comporta per l’Ordine l’addebito di commissioni di insoluto che, come da delibera adottata dal Consiglio in data 05.02.2007, verranno richieste ai singoli iscritti ritardatari e/o inadempienti.
 
Il Consigliere Tesoriere
Elena Panato