Articolo

Verbale riunione del 17 giugno 2019

Ordine degli Avvocati di Verona

 

COMMISSIONE CONSILIARE “STORIA E IDENTITA’ PROFESSIONALE”

 

Convocata a mezzo e-mail, la Commissione si è riunita oggi 17 giugno 2019 alle ore 12,30 presso la sede del Consiglio dell’Ordine in Verona, via Teatro Ristori n. 1.

 

Presenti, il coordinatore Prof. avv. Davide Rossi, i componenti, Massimiliano Graziani, Nicola Rettore, Marco Pupello, Maria Anna Vacca, Christian Serpelloni, Stefano Andrade Fajardo, Davide Dugatto, Andrea Cucco, Eddy Ferrari, Nicola Manzini, Anna Carmen Calabria Cilento de Hautville, il Consigliere referente Sabrina De Santi, 

 

Ordine del Giorno:

1. Approfondimento sulle proposte di lavoro discusse durante la riunione del 2 maggio u.s..

2. Relazione Avv. De Santi riguardo preventivi per il restauro dei registri contenenti verbali.

3. Relazione Avv. Eddy Ferrari sulla presentazione del libro al Festival internazionale di Gorizia.

4. Varie ed eventuali.

 

L’avv. Sabrina De Santi si incarica di verbalizzare l’odierna riunione.

I lavori si aprono con i saluti della Presidente Bissoli, uniti ai ringraziamenti per quanto in precedenza svolto, per l’ottima riuscita della consegna durante la recente Festa dell’Avvocato, assicurando massimo appoggio anche durante questa Consiliatura alle idee e alle proposte della Commissione.

 

1) APPROFONDIMENTO SULLE PROPOSTE DI LAVORO DISCUSSE DURANTE LA RIUNIONE DEL 2 MAGGIO U.S.

 

Davide Rossi illustra alla Commissione i progetti che qui si sintetizzano.

Va premesso che entrambi i progetti sono ambiziosi e travalicano i confini dell’avvocatura scaligera, estendendosi all’intera cittadinanza veronese.

Una prima proposta di ricerca sarebbe finalizzata allo studio del complesso archivistico di natura giudiziaria, versato dal Tribunale di Verona tra il 2009 e il 2010 all’Archivio di Stato.

In particolare, si tratterebbe di analizzare il copioso materiale inedito – sessanta metri cubi di libri e faldoni – oggetto fino ad oggi solamente di una prima ricognizione, rinvenuto all’interno di sacchi neri dell’immondizia ritrovati nel deposito del Tribunale di Verona dal compianto Adriano Vianini, che per primo ne comprese l’importanza e l’indiscusso valore storico scientifico, salvandoli dal macero.

Tale materiale, mai prima approfondito, contiene la storia giudiziaria della città a partire dalla dominazione austriaca e fino al 1940.

Si riporta, con evidente intento sinottico, il contenuto del compendio:

Periodo preunitario:

1) Giudicatura di Pace di Villafranca (1800 – 1808)

2) Imperial Regio Tribunale Provinciale di Verona (metà sec. XIX)

3) Imperial Regia Pretura Urbana di Verona (1818 – 1866)

4) Imperial Regia Pretura di Villafranca (1818 – 1866)

5) Imperial Regia Pretura di S. Pietro Incariano (1818 – 1866)

Periodo postunitario:

1) Regia Pretura Urbana di Verona (1866 – 1930 circa)

2) Regia Pretura di Villafranca (1866 – 1880 circa)

3) Regia Pretura di S. Pietro Incariano (1866 – 1880 circa)

4) Tribunale Civile e Penale di Verona (1920 – 1940 circa)

E’ di tutta evidenza che, attraverso questa documentazione, si può ricostruire non solamente un quadro della complessità giuridica degli ultimi due secoli, ma anche una visione più ampia della nostra città, focalizzandoci sugli eventi che hanno contribuito a determinare ciò che noi oggi siamo.

Considerata la mole del materiale presente in Archivio, tale lavoro dovrebbe vedere coinvolte varie Istituzioni cittadine – dal Comune, all’Università, all'Archivio stesso, unitamente ad Associazioni e Fondazioni culturali cittadine – rendendo partecipi studiosi di più discipline, aspirando alla digitalizzazione della documentazione stessa e contemporaneamente approfondendo alcune tematiche, il tutto con il fine di pubblicare anche un volume con gli esiti della ricerca.

Una seconda proposta riguarda uno degli aspetti giuridici più rilevanti della storia italiana contemporanea che hanno interessato la nostra città, ossia il cosiddetto "Processo di Verona", tenutosi nel corso dell'ultimo conflitto mondiale, al termine del quale furono giustiziati alcuni gerarchi del regime fascista, tra cui spicca il nome di Galeazzo Ciano, genero del Duce e già Ministro degli Esteri del Regno.

Questo processo anticipa e richiama alcuni spunti di riflessione di carattere giuridico che poi la dottrina e la critica elaboreranno più accuratamente nei confronti dei cosiddetti "Tribunali Speciali".

Preme segnalare che il nostro volume La Toga scaligera ha affrontato l’argomento, in specie da parte dei colleghi Andrea Cucco e Nicola Manzini, che hanno studiato carte processuali, in parte - giova ricardalo - del tutto inedite.

Da qui l’idea di un progetto ambizioso e prestigioso quale la realizzazione di un docu-film, che ricostruisca con taglio storico-scientifico (e sulla scorta di quanto rinvenuto) l'intera vicenda, ponendo una maggior attenzione alle sfumature giuridiche.

All'uopo si sono presi contatti con Rai Storia, che sarebbe interessata ad una partnership.

Dopo ampia discussione la Commissione all’unanimità sceglie il primo progetto che dovrà essere circoscritto ad un periodo che preferibilmente comprenderà il materiale relativo agli anni dalla metà alla fine dell’Ottocento.

Operativamente si incaricano gli avv.ti Eddy Ferrari e Christian Serpelloni di redigere un progetto da inviare a possibili interlocutori, quali Università degli Studi, il Comune, la Fondazione CariVerona, il Tribunale cittadino, l’Archivio di Stato, oltre ad eventuali possibili investitori.

 

2) RELAZIONE DELL’AVV. DE SANTI RIGUARDO PREVENTIVI PER IL RESTAURO DEI REGISTRI CONTENENTI VERBALI.

L’avv. Maria Anna Vacca informa che i lavori di restauro dei registri contenenti i verbali da metà Ottocento fino al dopoguerra procedono e che alcuni dei volumi sono già a disposizione per la consultazione.

 

3) RELAZIONE AVV. EDDY FERRARI SULLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO AL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI GORIZIA.

L’avv. Eddy Ferrari relaziona la Commissione, anche facendo riferimento alla comunicazione già spedita ai membri, sul buon successo della presentazione del libro La toga scaligera nell’ambito del Festival. All’occasione era, tra l’altro, presente pure Lorenzo Salimbeni, che è intervenuto unitamente all’avv. Ferrari.

Il prof. avv. Rossi interviene informando la Commissione che il prof. Parlato ha accolto lo spunto di presentare, entro l’anno, La toga scaligera anche presso la Fondazione Ugo Spirito-Renzo de Felice di Roma.

 

4) VARIE ED EVENTUALI

La Commissione approva l’invio, a cura del CDO, accompagnato da una lettera di presentazione della Presidente, a tutti gli enti in elenco, di una copia del libro La toga scaligera. 

L’avv. Andrade Fajardo, invece, consegnerà personalmente copia alla dott.ssa Brunelli, coordinatrice della Biblioteca Frinzi dell’Università, alla Biblioteca Civica di Verona e all’Istituto Storico della Resistenza.

Elenco:

-           Biblioteca universitaria di Padova, via San Biagio 7, 35121 Padova

-           Biblioteca universitaria centrale, via Adalberto Libera 3 , 38122 Trento

-           Biblioteca IUAV, Tolentini, Santa Croce 191, 30135 Venezia

-           Biblioteca del Consiglio Regionale del Veneto, Sestiere San Marco 1122, 30124 Venezia

-           Biblioteca universitaria di Bologna, via Zamboni 33/35, 40126 Bologna

-           Biblioteca di Studi Giuridici e Umanistici, via Festa del Perdono 7, 20122 Milano

-           Biblioteca nazionale di Torino, piazza Carlo Alberto 3, 10123 Torino

-           Biblioteca Nazionale Centrale, viale Castro Pretorio 105, 00185 Roma

-           Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Piazza dei Cavalleggeri 1, 50122 Firenze

-           Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III, piazza del Plebiscito 1, 80132 Napoli

-           Biblioteca centrale di Giurisprudenza e Scienze Politiche “Seminario giuridico”, piazza Cesare Battisti 1, 70121 Bari

-           Biblioteca Giuridica unificata, via Alessandro Pascoli 33, 06123 Perugia

-           Consiglio Nazionale Forense, sede giurisdizionale via Arenula 71, 00186 Roma / sede amministrativa, via del Governo Vecchio 3, 00186 Roma Biblioteca Centrale Giuridica, c/o Palazzo di Giustizia, Piazza Cavour, 00193 Roma

-           Biblioteca del Senato della Repubblica “Giovanni Spadolini”, Piazza della Minerva 38, 00186 Roma

-           Istituto di Studi Giuridici Internazionali ISGI-CNR, via dei Taurini 19, 00185 Roma

-           Istituto di Teoria e Tecniche dell’Informazione Giuridica, via dei Barucci 20, 50127 Firenze

-           Biblioteca giuridico-economica “Giovanni Ghirotti”, Palazzo Mazzini Marinelli, via Chiaramonti 38, 47521 Cesena (FC)

-           Biblioteca giurisprudenza, economia e scienze umane, via dei Bianchi 2, 89127 Reggio Calabria

-           Biblioteca nazionale di Potenza, via del Gallitello 103, 85100 Potenza

Il Coordinatore informa di essere stato contattato dalla giornalista Maria Vittoria Adami, che sta leggendo il libro e ne anticiperà alla Commissione la recensione, che poi verrà pubblica su L’Arena.

Per “Pordenonelegge”, l’avv. Massimiliano Graziani scriverà al CDO di Pordenone per valutare la possibilità di presentare il libro anche all’interno di questo Festival.

Gli avv.ti Christian Serpelloni e Andrade Fajardo sentiranno la Commissione scuola/lavoro per la presentazione del libro nelle scuole.

L’avv. Calabria chiede di essere aggiunta alla mailing list.

La seduta viene tolta alle ore 14 e rinviata alla data del 5 luglio p.v. ore 12.30

 

 

Il Consigliere Referente

Sabrina De Santi