Articolo

Verbale riunione del 11 novembre 2019

Ordine degli Avvocati di Verona

Commissione Incarichi Pubblica Amministrazione

 

Convocata a mezzo e-mail, la Commissione si è riunita oggi 11 novembre 2019, alle ore 12,00 presso la sede del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati in Verona, Via Teatro Ristori n. 1. E’ presente, quale componente interno di diritto, il Consigliere referente Luca Sorpresa; sono altresì presenti, quali componenti esterni Eugenio Le Quaglie, Maria Vittoria Bragato, Tamara Corazza, Matteo Zappalà, Marco Scramoncin, Stefania Cavallo, Matteo De Gobbi, Giulia Ferrari, Daniele Giacomazzi, Donatella Gobbi, Daniele Maccarrone e Davide Pasquali. Assenti giustificati gli altri.

L’avv. Maccarrone introduce i lavori illustrando il testo da lui elaborato e quello elaborato dai colleghi Cavallo e Pasquali, dagli stessi anticipati via mail a tutta la Commissione. 

L’avv. Giacomazzi, con riferimento all’approfondimento di sua competenza, espone alcune problematiche sorte dall’analisi di bandi di concorso esaminati in vista dell’elaborazione dei criteri da offrire alla PA (in particolare relativi alla commistione tra elementi oggettivi e soggettivi). Si concorda di distinguere tra elementi soggettivi e oggettivi e concentrarsi sull’elaborazione di quest’ultimi: competenza sulla macro materia e competenza specifica sulla singola materia, eventualmente valutare i pregressi rapporti con la pubblica amministrazione.

L’avv. Giacomazzi, propone di fare un elenco delle condizioni da considerarsi illegittime (come ad esempio: indicazioni di fatturato, massimali delle polizze superiori a quelli di legge, minimo di anni di iscrizione all’albo quale presupposto di conferimento dell’incarico, problematiche in ordine al conflitto di interessi).

Altro profilo è quello relativo alle convenzioni per attività annuale di consulenza giudiziale, stragiudiziale, prive dell’indicazione dell’oggetto, ma con precisazione del massimo del compenso.

L’avv. Cavallo sottolinea la necessità che la PA debba distinguere tra la consulenza stragiudiziale pura e semplice, che può essere eseguita anche da un soggetto non iscritto all’albo degli avvocati, e la consulenza anche stragiudiziale finalizzata, anche in potenza, ad un giudizio, attività riservata agli avvocati anche ai sensi della legge professionale; anche la consulenza legata ad atti di esercizio del potere amministrativo deve essere sottratta al confronto concorrenziale.

L’avv. Gobbi illustra i propri approfondimenti lo stesso fa l’avv. Bragato.

L’avv. Maccarrone sottolinea la necessità di fare sintesi tra gli approfondimenti affidati a ciascuno per farne un unico elaborato.

La Commissione si aggiorna e rinvia alla prossima seduta da convocarsi per la prosecuzione dei lavori venerdì 29 novembre ore 11,00.

La seduta viene tolta alle ore 13.15.

F.to 

Daniele Maccarrone

(Coordinatore)

Giulia Ferrari (Segretario)