Articolo

Avviso su Attacchi informatici via PEC

La Commissione Informatica segnala che il Computer Emergency Response Team della Pubblica Amministrazione ha ricevuto notizia ieri di una nuova campagna di invio malware tramite PEC.

 

Nel caso, le PEC contengono un unico link nel corpo del messaggio. Il testo del link (e/o dell'oggetto della PEC) sono di solito ripresi dall’oggetto di una precedente conversazione con il mittente, come nell'esempio che segue:

 

Il link punta ad un file ZIP contenente un virus (tenete conto che, per apparire legittimo, il file ZIP contiene anche un'immagine).

 

Questi file ZIP non vanno assolutamente aperti (nemmeno da smartphone) poichè possono causare danni irreversilibi non solo al computer, ma a tutto il sistema dello studio.

Se per caso avete aperto il file per errore, anche se non Vi sembra ci siano state conseguenze, contattate comunque un tecnico per evitare di diventare Voi stessi mittenti di simili messaggi o di esporre i Vs. dati.

 

Raccomandiamo infine di non abbassare la soglia dell'attenzione con riguardo a tutte le comunicazioni PEC ricevute, a prescindere dal fatto che presentino le caratteristiche di cui al recente attacco, e di contattare telefonicamente il mittente in caso di dubbi sul messaggio ricevuto, prima di aprirlo.

 

Potete rimanere aggiornati sugli attacchi consultando il sito del CERT-PA.