Articolo

Comunicato Presidente su ordine di servizio del Presidente Tribunale, n. 33 del 20 marzo, riguardo D.L. 18 2020

Gentili Colleghe e Colleghi,

comunico il provvedimento della Presidente del Tribunale di Verona in data odierna, D.S. n. 33/2020 con il quale viene revocato il precedente del 9 marzo 2020, D.S. 30/2020, e vengono disposte le misure attuative dell’art. 83, comma 1 e comma 3, del D.L. n. 18/2020, qui visualizzabile, per il periodo dal 23 marzo al 15 aprile 2020.

Segnalo che la “dichiarazione d’urgenza” che impone la trattazione dei procedimenti civili “la cui ritardata trattazione può produrre grave pregiudizio alle parti”, di cui all’ultimo periodo dell’art. 83, comma 3, lett. a), del D.L. n. 18/2020, è atto ufficioso del capo dell’ufficio giudiziario o del suo delegato; tuttavia, al ricorrere del potenziale grave pregiudizio per la parte, l’avvocato curerà di sollecitare detta dichiarazione con istanza scritta.

Le modalità di accesso ai servizi forniti dalle cancellerie dell’area civile e dell’area penale del Tribunale di Verona, nonché dalle cancellerie dell’Ufficio del Giudice di Pace, saranno oggetto di separato provvedimento.

Ricordo che i provvedimenti degli Uffici giudiziari veronesi riguardanti la gestione dell’emergenza sanitaria vengono prontamente pubblicati nell’apposito blocco del sito internet dell’Ordine, denominato “Coronavirus – COVID-19: Disposizioni”.

La Presidente

Barbara Bissoli