Articolo

Provvedimento Presidente dell'Ordine - Misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-1

Alle Colleghe e ai Colleghi

Alle Praticanti e ai Praticanti

Agli Utenti

 

LA PRESIDENTE DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA

VISTO l’art. 83 del D.L. n. 18/2020, come modificato in sede di conversione dalla L. 27/2020 e ulteriormente modificato dal D.L. n. 28/2020;

VISTO l’art. 10 del D.L. n. 33/2020;

VISTA la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

VISTO il D.P.C.M. del 17 maggio 2020, recante “Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”;

VISTA l’ordinanza del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 48 del 17 maggio 2020, recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da virus COVID-19. Ulteriori disposizioni”;

CONSIDERATO, per quanto di competenza dell’Ordine degli Avvocati d Verona, e in ossequio ai menzionati atti e alla loro ratio, necessario assumere provvedimenti al fine di preservare la salute degli Iscritti, del personale di segreteria dell’Ordine e degli utenti degli uffici dell’Ordine, nonché del personale di magistratura  e del personale amministrativo e degli utenti degli Uffici giudiziari del circondario del Tribunale di Verona, così contribuendo al contrasto e al contenimento del virus COVID-2019, bilanciando tali esigenze con l’obbligo di assicurare i servizi dell’Ordine degli Avvocati di Verona agli Iscritti e agli utenti;

SENTITI le Consigliere e i Consiglieri;

DISPONE QUANTO SEGUE

1. la sospensione fino al 31 luglio 2020 della fissazione degli incontri in compresenza afferenti al servizio di mediazione fornito dall’Organismo Veronese di Mediazione Forense; in forza del comma 20 bis dell’art. 83 del D.L. 18/2020, introdotto dalla Legge di conversione n. 27/2020 e nel rispetto del protocollo operativo approvato dal Consiglio dell’Ordine nella seduta del 4 maggio 2020, gli incontri di mediazione potranno svolgersi in modalità telematica con il preventivo consenso delle parti;

2. la sospensione fino al 14 giugno 2020 delle riunioni in compresenza delle Commissioni del Consiglio dell’Ordine, degli Organi e Organismi istituiti presso l’Ordine, il Consiglio dell’Ordine e degli Organi della Fondazione Veronese di Studi Giuridici, che potranno avvenire invece in modalità telematica, nel rispetto del regolamento approvato dal Consiglio dell’Ordine il 23 marzo 2020, in quanto compatibile;

3. la sospensione fino al 14 giugno 2020 degli accreditamenti degli eventi formativi, fatta eccezione per quelli organizzati e co-organizzati dal Consiglio dell’Ordine in modalità FAD (formazione a distanza);

4. la sospensione fino al 14 giugno 2020 della programmazione di eventi formativi in compresenza;

5. la sospensione fino al 14 giugno 2020 degli incontri dello Sportello della Previdenza Forense;

6. la sospensione fino al 14 giugno 2020 dello Sportello del cittadino;

NONCHE’ DISPONE, FINO A DATA DA DESTINARSI

7. la chiusura della biblioteca dell’Ordine;

8. la chiusura della “sala avvocati” dell’Ordine in Corte Zanconati n. 1;

9. la chiusura degli uffici dell’Ordine di Via Ristori n. 1 e Via dello Zappatore n. 1, con possibilità di concordare telefonicamente con la segreteria dell’Ordine appuntamenti per la consegna o il ritiro di atti e documenti;

10. la sospensione del servizio di concessione in uso delle toghe di proprietà dell’Ordine;

11. che gli incontri in compresenza nei procedimenti cd. in prevenzione e nei procedimenti di opinamento delle parcelle si tengano presso gli uffici dell’Ordine, in date e orari che saranno comunicati agli interessati a cura della segreteria;

12. che le istanze degli atti amministrativi di competenza dell’Ordine si presentino tramite PEC: la comunicazione via PEC dovrà recare in allegato l’istanza sottoscritta analogicamente e scansionata, i pertinenti documenti in formato .pdf, oltre alla copia, parimenti scansionata, delle marche amministrative, se richieste, che potranno essere depositate in originale alla prima occasione utile, previo appuntamento con la segreteria dell’Ordine.

Nel caso di accesso agli uffici dell’Ordine ai sensi del presente provvedimento, si raccomanda agli Iscritti, agli utenti e agli accompagnatori, di presentarsi forniti di mascherina, di igienizzare le mani all’ingresso, di mantenere rigorosamente la distanza interpersonale di almeno m. 1,00 da qualsiasi interlocutore e di evitare qualsiasi contatto anche con arredi e materiali.

Il presente provvedimento sostituisce i precedenti di pari oggetto e viene trasmesso a tutti gli Iscritti.

Al presente provvedimento viene assicurata adeguata forma di pubblicità, mediante affissione dello stesso nelle bacheche dell’Ordine, pubblicazione nel sito istituzionale e diffusione agli Iscritti pel tramite di circolare word cast.

È riservata la possibilità di proroga o di modifica delle disposizioni del presente provvedimento, in ragione dell’evoluzione degli eventi, ferma ogni diversa disposizione assunta dalle competenti Autorità.

Verona, 19 maggio 2020

La Presidente

Barbara Bissoli