Articolo

Nuovo provvedimento della Presidente del Tribunale

Care Colleghe e cari Colleghi,

pubblichiamo la disposizione di servizio n. 81 del 30 giugno della Presidente del Tribunale, anche quale Coordinatrice dell'Ufficio del Giudice di Pace, con la quale vengono revocati gli ordini di servizio n. 14 del 29 aprile e n. 17 dell'8 maggio 2020 (per il settore civile), nonché l’ordine di servizio n. 58 del 2 maggio e la disposizione di servizio n. 67 del 10 giugno 2020 (per il settore penale).

Come precisato nella D.S. n. 81/2020, l’art. 1, comma 2, della Legge n. 70 del 29 giugno 2020, che ha convertito in legge, con modificazioni, il D.L. 28/2020 dispone che restano validi gli atti e i provvedimenti adottati (“da intendersi quelli già emessi dai giudici e nei quali sono state indicate le modalità di trattazione delle udienze”) e sono fatti salvi gli effetti prodottisi e i rapporti giuridici sorti sulla base dell'articolo 3, comma 1, lettera i), del D.L. 30 aprile 2020, n. 28, che posticipava al 31 luglio 2020 la ripresa dell’attività giudiziaria in via ordinaria, poi anticipata al 30 giugno 2020 dalla Legge di conversione stessa.

Pertanto, per quanto riguarda il settore civile del Tribunale, saranno trattate mediante collegamenti da remoto o mediante deposito di note scritte le udienze civili del Tribunale di Verona già fissate dai giudici per il mese luglio con dette modalità, nel rispetto di quanto previsto dal protocollo generale per le udienze civili e dal protocollo specifico per la famiglia sottoscritti il 6 maggio 2020.

Per quanto riguarda il settore penale del Tribunale, nel mese di luglio saranno celebrate le udienze in aula con le modalità e i limiti fissati dai giudici nei singoli provvedimenti già assunti e comunicati, salva eventuale successiva espressa modifica degli stessi; con riferimento alle udienze “filtro” già fissate per il mese di luglio, ci stiamo adoperando affinché i giudici interessati assumano provvedimenti di scaglionamento delle stesse, considerato che lo stato di emergenza sanitaria permane sino al 31 luglio.

La Presidente

Barbara Bissoli