Articolo

Comunicazione domicilio digitale

Il DL 76/2020 del 16.07.2020, convertito con Legge 120/2020 del 11.09.2020, ha rafforzato l’obbligatorietà dell’indirizzo pec per i professionisti, definendolo quale “domicilio digitale”.

Ai sensi dell’art 37 c. 1 lett. e) del DL 76/2020, che va a modificare l’art 16 c. 7 bis del decreto legge n. 185/2008 convertito dalla L. 2/2009, “il professionista che non comunica il proprio domicilio digitale all’albo o elenco di cui al comma 7 è obbligatoriamente soggetto a diffida ad adempiere, entro trenta giorni, da parte dell’Ordine di appartenenza ed in caso di mancata ottemperanza alla diffida, l’Ordine di appartenenza commina la sanzione della sospensione dal relativo albo o elenco fino alla comunicazione dello stesso domicilio”.

Si rammenta parimenti come l’indirizzo di posta certificata sia anche uno dei requisiti essenziali, ai sensi dell’art. 2 comma 2 del Decreto del 25.2.2016 n. 47, anche in attuazione dell’art 21 della legge professionale n. 247/2012, ai fini  dell’accertamento dell’esercizio della professione in modo effettivo, continuativo e prevalente, la mancanza del quale determina la cancellazione dall’albo.

Per quanto sopra si sollecita quanti non avessero ancora attivato e/o  comunicato un indirizzo di posta certificata, o lo stesso si trovasse a non essere più attivo,  a darVi fattivo seguito entro e non oltre  il 30.11.2020.

 

Il Consigliere Segretario

Avv. Cristina Castelli