Tribunale di Verona – Ordinanza 10.11.2010(Composizione monocratica – Giudice LANNI)

10 Novembre 2010 News

Società a responsabilità limitata – Revoca degli amministratori ex art. 700 c.p.c. – Domanda di merito finalizzata alla sola revoca – Elementi distintivi del fumus e del periculum – Onere probatorio.
(2409 c.c. – 2476 c.c. – 2697 c.c. – 700 c.p.c.)

Nell’ipotesi in cui l’azione di responsabilità, in funzione della quale la domanda cautelare di revoca dell’amministratore di s.r.l. viene proposta, sia finalizzata al risarcimento dei danni, è necessaria l’allegazione e la dimostrazione dei danni subiti o subendi dalla società. Nell’ipotesi, invece, in cui l’azione del socio sia finalizzata esclusivamente alla revoca dell’amministratore, è sufficiente l’allegazione e la dimostrazione di gravi irregolarità gestorie, con pericolo di danno per la società, alla stregua di quanto previsto dall’art. 2409 c.c.; pertanto, ove il ricorrente si sia limitato a specificare gli illeciti asseritamente compiuti dagli amministratori – quali irregolarità formali, di per se stesse non dannose per la società – senza alcuna allegazione dei danni conseguiti, non è possibile esprime una prognosi di fondatezza della domanda risarcitoria e, pertanto, la domanda cautelare articolata in funzione di essa deve essere rigettata.

Cerca articoli sul sito