Tribunale di Verona – ordinanza 24.12.2012(Composizione monocratica – Giudice LANNI)

24 Novembre 2012 News

Contratti bancari – Apertura di credito in conto corrente a tempo indeterminato – Recesso repentino ed immotivato della banca – Abuso del diritto – Inefficacia per contrarietà a buona fede – Sussiste.

Il recesso di un istituto di credito dall’apertura di credito in conto corrente a tempo indeterminato, esercitato in modo repentino e senza alcuna motivazione oggettiva, deve ritenersi contrario a buona fede e quindi inefficace per il periodo di tempo ragionevolmente necessario per consentire al correntista di reperire la provvista necessaria, anche tramite il ricorso a crediti alternativi presso il ceto bancario.

Cerca articoli sul sito