Tribunale di Verona – Ordinanza 26.5.2012 (Composizione monocratica – Giudice MIRENDA)

26 Maggio 2012 News

Decreto ingiuntivo europeo – Giudizio di opposizione – Prosecuzione con rito ordinario – Integrazione degli scritti difensivi – Necessità – Sussiste – Applicazione analogica dell’art. 164, 5° e 6° comma, c.p.c. – Esclusione.

Il carattere monitorio puro del ricorso per ingiunzione europea e la  laconicità dell’opposizione del debitore (che può limitarsi a contestare il credito senza essere tenuto a precisarne le ragioni) rendono necessario consentire alle parti l’integrazione degli scritti difensivi introduttivi; diversamente opinando – ossia impedendo al debitore di formulare e/o integrare, nel prosieguo del processo, le proprie difese ex art. 2697, comma secondo, c.c. – si finirebbe per avallare inaccettabili strategie processuali del creditore al quale si consentirebbe di “inchiodare” il debitore, ancorché quest’ultimo si sia legittimamente avvalso della facoltà di non anticipare i motivi di  contestazione dell’ingiunzione. Allo scopo, non sono tuttavia applicabili, in via analogica, le previsioni dell’art. 164, commi quinto e sesto, c.p.c.  per l’integrazione della citazione “nulla” ivi disciplinati, difettando l’eadem ratio, ossia l’esistenza di vizi afflittivi della domanda monitoria e/o della successiva opposizione, tali da giustificare, ex art. 12, comma secondo, delle preleggi, l’equiparazione fattuale delle due fattispecie e, di riflesso, la loro riconduzione ad unità di disciplina.

Cerca articoli sul sito