Tribunale di Verona – Sentenza 20.10.2010(Composizione monocratica – Giudice TOMMASI DI VIGNANO)

20 Ottobre 2010 News

Obbligazione naturale – Famiglia di fatto – Convivenza more uxorio – Arricchimento senza causa – Contenuto dell’obbligazione naturale – Proporzionalità ed adeguatezza alle condizioni della famiglia di fatto – Condizioni (2304 c.c. –2041 c.c.)

Il contenuto delle obbligazioni nascenti dal rapporto di convivenza, al fine di valutare se le stesse siano riconducibili ad un’obbligazione naturale, va parametrato alle condizioni sociali e patrimoniali dei componenti della famiglia di fatto, nei limiti di proporzionalità e di adeguatezza alle condizioni medesime (nel caso di specie la dazione alla convivente more uxorio di certificati di deposito per importi rilevanti è stata ritenuta annoverabile alla stregua di obbligazione naturale in considerazione della proporzionalità all’’entità del patrimonio e delle condizioni sociali del solvens ed all’adeguatezza delle peculiari circostanze di modo, tempo e luogo della relazione affettiva, protrattasi per trent’anni ed interrottasi per la morte improvvisa del disponente).

Cerca articoli sul sito