Tribunale di Verona – Sentenza 20.12.2011(Pres. RIZZO – Rel. LANNI)

20 Dicembre 2011 News

Società di persone – Azione individuale di responsabilità promossa dal socio – Applicabilità del principo stabilito dall’art.2395 c.c. per le società di capitali – Sussiste – Natura extracontrattuale dell’azione – Conseguenze – Risarcibilità del solo danno diretto.

Come si desume dall’art. 2281 cod. civ., è operante anche rispetto alle società personali il principio – specificamente stabilito dall’art. 2395 cod. civ. per le società di capitali – secondo il quale gli amministratori di società sono personalmente responsabili verso i soci per i danni loro arrecati mediante condotte dolose o colpose; tuttavia, anche per le società di persone, l’azione diretta del socio contro gli amministratori, avendo natura extracontrattuale ed individuale ed essendo fondata sull’art. 2043 c.c. o sull’applicazione analogica dell’art. 2395 c.c., presuppone che il pregiudizio lamentato non sia il mero riflesso di danni recati al patrimonio sociale, ma che si tratti di danni direttamente causati al socio come conseguenza immediata del comportamento degli amministratori.

Cerca articoli sul sito