Tribunale di Verona – Sentenza 26.6.2011(Composizione monocratica – Giudice LANNI)

26 Giugno 2011 News

Obbligazioni e contratti – Appalto – Recesso del committente –Errori esecutivi – Inadempimento dell’appaltatore – Sussistenza – Danno risarcibile ex art. 1453 c.c.

Qualora il committente sia receduto dal contratto di appalto prima del completamento delle opere, non si può parlare di vizi in senso proprio (e quindi applicare la disciplina prevista dall’art. 1667 c.c.), ma gli errori esecutivi costituiscono comunque un inadempimento dell’appaltatore che, secondo la disciplina generale contenuta nell’art. 1453 c.c., giustifica l’accoglimento della domanda risarcitoria nella misura in cui abbia determinato spese aggiuntive (per porre rimedio ai suddetti errori) che il committente non avrebbe sostenuto.

Cerca articoli sul sito