Tribunale di Verona – Sentenza 31.1.2011 (Composizione monocratica – Giudice RIZZUTO)

31 Gennaio 2011 News

Obbligazioni e contratti – Contratto – Contratti collegati – Collegamento negoziale – Requisiti di sussistenza – Conseguenze.
(1322 c.c.)

Per stabilire se ricorra un collegamento negoziale, trattandosi di materia in cui è sovrana l’autonomia privata, è necessario rifarsi alla volontà delle parti e ricercare, oltre i singoli schemi negoziali, se ricorra un collegamento specifico, per cui gli effetti dei vari negozi si coordinino per l’adempimento di una funzione unica; tale nesso tra più negozi fa sì che l’esistenza, la validità, l’efficacia, l’esecuzione di uno influisca sulla validità, sull’efficacia e sull’esecuzione dell’altro. Affinché ciò si verifichi, non è sufficiente un nesso occasionale ma il collegamento deve dipendere dalla genesi stessa del rapporto – cioè dalla circostanza che uno dei due negozi trovi la propria causa nell’altro – e dall’intento specifico delle parti di coordinare i due negozi, instaurando tra di essi una connessione teleologica. Soltanto se la volontà di collegamento si è oggettivata nel contenuto dei diversi negozi, si può ritenere che entrambi o uno di essi, secondo la reale intenzione dei contraenti, siano destinati a subire le ripercussioni delle vicende dell’altro.

Cerca articoli sul sito