Tribunale di Verona – Sentenza 4.2.2011 (Composizione monocratica – Giudice RIZZUTO)

4 Febbraio 2011 News

Procedimento civile – Ordine di esibizione alla parte o al terzo – Diritto all’esibizione – Natura – Diritto alla consegna di documenti ex art. 119 D.Lgs. 385/1993 – Natura – Sequestro probatorio – Interpretazione estensiva.
(119 D.Lgs. 385/1993 – 210 – 670 c.p.c.)

Atteso che il diritto all’esibizione è un diritto di natura processuale, espressione del più generale diritto alla prova, e che la legittimazione ad agire ex art. 119 d.lgs n. 385 del 1993 spetta a coloro cui la legge accorda tale diritto, deve prendersi atto che il diritto stesso (in astratto, connotato dal carattere della strumentalità finalizzata a consentire, attraverso la mediazione del processo, l’accertamento ed il soddisfacimento di un diverso diritto di natura sostanziale) trova tuttavia una diretta tutela, seppur di natura cautelare, nell’art. 670 n. 2 c.p.c., che consente il sequestro di documenti quando sia indispensabile l’acquisizione di documentazione ai fini dell’accertamento di fatti. Il riconoscimento di un diritto all’acquisizione strumentale di documentazione (pur mantenuto in un ambito processuale alla luce del diritto positivo e senza arrivare ad interpretazioni costituzionalmente orientate del diritto alla prova come diritto delle parti di poter fornire concretamente in giudizio la prova delle proprie pretese) impone, tuttavia, laddove sia positivamente previsto un diritto sostanziale alla consegna dei predetti documenti, una interpretazione estensiva della norma.

Cerca articoli sul sito