Tribunale di Verona – Sentenza 6.11.2010 (Composizione monocratica – Giudice LANNI)

6 Novembre 2010 News

Appalto – Consegna dell’opera – Vizi conosciuti o conoscibili – Garanzia ex art. 1667 c.c. – Non opera – Vizi riconosciuti dall’appaltatore – Autonomia dell’obbligo di loro rimozione – Decadenza di cui all’art. 1667 c.c. – Non opera.
(1665 c.c. – 1667 c.c.)

In tema di appalto, l’operatività della garanzia prevista dagli artt.1667 e ss. c.c. è esclusa nel caso di accettazione dell’opera da parte del committente che, a fronte di vizi conosciuti o riconoscibili, abbia rilevato soltanto le difformità specificamente evidenziate nel verbale di verifica, che esprime in modo inequivoco l’accettazione dell’opera e la circoscrive l’operatività della garanzia ai vizi specificamente indicati nel verbale stesso; pertanto, la garanzia non opera per tutti gli ulteriori vizi, conosciuti o conoscibili dal committente stesso al momento della verifica. Di converso, l’appaltatore che si sia espressamente impegnato all’eliminazione dei vizi indicati nel verbale assume un’obbligazione autonoma, sottratta ai termini di decadenza previsti dall’art. 1667 c.c. 

Cerca articoli sul sito