Tribunale di Verona – Sez.Fall. – Decreto 6.3.2012(Presidente PLATANIA – Rel. D’AMICO)

6 Marzo 2012 News

Concordato preventivo – Richiesta di fallimento proposta dal P.M. – Ammissibilità – Condizioni.

Conseguentemente all’eliminazione del fallimento d’ufficio ed in osservanza delle perduranti finalità pubblicistiche del fallimento stesso, al P.M. è attribuito un ampio potere “di chiusura”, così dovendosi attribuire all’art. 7 L.F. solo il compito di indicare le ipotesi in cui l’iniziativa del P.M. è obbligatoria. In ogni caso, quando il P.M. chiede la dichiarazione di fallimento, non deve dimostrare la sussistenza di un interesse generale o pubblico che lo muove, ma la sussistenza dei presupposti necessari pel fallimento, nel caso di specie chiaramente sussistenti, perché già accertati dal commissario giudiziale nella relazione depositata ex art. 172 L.F.

Cerca articoli sul sito