Modifica del Codice Deontologico: art.25-bis

8 Maggio 2024 News

Care Colleghe e cari Colleghi,
è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 102 del 3 maggio 2024 la modifica al Codice Deontologico Forense in materia di equo compenso (nuovo art. 25 bis), adottata dal Consiglio Nazionale Forense con delibera n. 275, del 23 febbraio 2024.
La nuova norma entra in vigore decorsi sessanta giorni dalla data di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
Di seguito il testo pubblicato, che potrete trovare anche qui, alla relativa pagina della Gazzetta Ufficiale.
Art. 25-bis – Violazioni delle disposizioni in materia di equo compenso
1. L’avvocato non può concordare o preventivare un compenso che, ai sensi e per gli effetti delle vigenti disposizioni in materia di equo compenso, non sia giusto, equo e proporzionato alla
prestazione professionale richiesta e non sia determinato in applicazione dei parametri forensi vigenti.
2. Nei casi in cui la convenzione, il contratto, o qualsiasi diversa forma di accordo con il cliente cui si applica la normativa in materia di equo compenso siano predisposti esclusivamente
dall’avvocato, questi ha l’obbligo di avvertire, per iscritto, il cliente che il compenso per la prestazione professionale deve rispettare in ogni caso, pena la nullità della pattuizione, i criteri stabiliti dalle disposizioni vigenti in materia.
3. La violazione del divieto di cui al primo comma comporta l’applicazione della sanzione disciplinare della censura. La violazione dell’obbligo di cui al secondo comma comporta
l’applicazione della sanzione disciplinare dell’avvertimento. ”

Il Consigliere Segretario

Avv. Marisa Bonanno

Cerca articoli sul sito